Come Migliorare la Durata della Batteria di un Portatile

Oggi la maggiorenza degli utenti che acquista un nuovo computer va inevitabilmente in cerca di un portatile. Queste macchine sono riuscite a conquistare il mercato per la loro praticità, infatti, a chi non piace stare sdraiato sul divano o in terrazzo con il proprio PC per navigare in rete, e degustare qualche drink rinfrescante? E si! Le comodità piacciono, ma purtroppo come succede per ogni cosa non sempre ciò che è comodo è anche duraturo.

Infatti, uno dei principali problemi dei nostri portatili è la batteria, se questa è costantemente “stressata” a causa di un utilizzo pesante del Notebook, tende ad un accumulo di energia sempre minore, cosi la sua durata si riduce notevolmente.

In questo post voglio darvi qualche dritta per far sì che la vostra batteria sia sollecitata il meno possibile, e di conseguenza duri di più nel tempo.

Dovete sapere che i supporti esterni come: Hard disk, penne USB, CD o DVD se usati consumano ancora di più la nostra batteria. Quindi se dovete usare un file, converrebbe salvarlo subito sul nostro portatile e utilizzarlo da lì.
Un’altra cosa molto importante è un giusto utilizzo dei software, infatti, avere molti programmi aperti contemporaneamente porta il PC ad un consumo molto elevato. In poche parole è superfluo avere due browser aperti, piuttosto che due software P2P. Aprite solo il programma che volete utilizzare, un massimo di 2/3 software è più che sufficiente.
Ovviamente tenere una luminosità bassa del Display ci porta un risparmio energetico elevato.
Attivate le varie connessioni Wi-Fi e Bluetooth solo quando servono.
Se avete vicino a voi una presa per la corrente, scollegate la batteria e alimentate il notebook direttamente dalla presa. Attenzione alcuni notebook senza batteria non funzionano in qual caso, collegatevi ugualmente alla rete elettrica, ma lasciate pure la batteria collegata.

Insomma con qualche piccolo accorgimento che non vi costerà nulla allungherete la durata della batteria del vostro portatile.

Read More

Quale Cornice Digitale Comprare

In questa guida cerchiamo di mettere a disposizione alcuni consigli utili su come scegliere la cornice digitale da comprare.

La cornice digitale è un dispositivo piuttosto semplice, il suo scopo è permettere la visualizzazione delle foto.
Si tratta di un sostituto delle solite cornici per foto che possono essere trovate in casa.
Il vantaggio è che permettono la sostituzione delle immagini visualizzate in qualsiasi modo in modo veloce.

Vediamo quali sono le caratteristiche principali da valutare.

Iniziamo dallo schermo, che è sicuramente l’elemento principale.
Deve essere quindi di qualità, in modo da permettere una visualizzazione ottima delle foto caricate.
Per quanto riguarda la dimensione, troviamo modelli di tutti i tipi.
Il consiglio è di non scendere sotto sette pollici, altrimenti la visualizzazione delle immagini può risultare difficile.

Da considerare sono poi i formati supporati.
Non tutti i formati di immagine sono infatti supporrati, alcuni dispositivi hanno limiti relativi alle dimensioni delle foto che possono essere caricate.
Troviamo anche cornici digitali che permettono di riprodurre video.

Ovviamente anche la risuluzione massima supportata è importante.
Maggiore è la risoluzione e migliore sarà la qualità delle immagini.

Per quanto riguarda il sistema di caricamento dei file, è importante sapere che solo alcuni modelli dispongono di memoria interna.
Negli altri casi è invece utilizzare schede SD.

Tra le altre funzionalità da considerare troviamo anche la possibilità di applicare effetti e di programmare lo spegnimento.
Si tratta di caratteristiche che possono essere utili e che quindi è importante considerare.

Tra i marchi più conosciuti che producono cornici digitali troviamo Philips, ma sul mercato non mancano alternative.
Su questo blog sulle cornici digitali è possibile trovare informazioni più dettagliate sui vari modelli.

Seguendo le indicazioni trovare la cornice digitale giusta è semplice.

Read More

Configurare VPN con OpenVPN in Modalità Bridge

Ultimamente ho avuto necessità, per motivi di lavoro, di poter utilizzare il mio PC di casa mia dal lavoro.

Per fare questo è necessario configurare sia lato server, che lato client una VPN.

Ma vediamo un di capire cosa risulta essere una VPN.

Una VPN, il cui acronimo è Virtual Private Network, altro non è, come dice il nome stesso, che una Rete Private Virtuale, quindi immaginate di avere due computer, molto distanti fra loro, e grazie alla VPN potrete collegarli in rete, grazie alla sola connessione internet e uno strumento opensource chiamato openVPN.

OpenVPN, è uno strumento openSource, ed è anche multipiattaforma, ed è completamente gratuito.

La configurazione di openVPN è quasi identica fra Windows e Linux.

In questa guida vedremo come configurare una VPN in modalità bridge, che ci permetterà di entrare nel PC che fa da server, con il nostro IP Privato di casa nostra.

Per prima cosa installiamoci openVPN, per Linux è ormai presente in tutti i repository delle maggiori distribuzioni, per windows, se gradite anche un interfaccia grafica potete scaricarlo a questo sito: http://openvpn.se/files/install_packages/ e scaricate l’ultima versione disponibile attuale.

Su windows inutile dire come si installa, basta lanciare l’exe e il gioco è fatto, su Linux anche non è difficile, su distribuzioni Debian Based lanciate il comando da root: apt-get install openvpn, se usate delle distribuzione Red Hat based invece lanciate il comando yum install openvpn.

Se volete installarlo a mano, andate sull’area download del sito ufficiale e scaricate i sorgenti, dopo averli scaricate lanciate i seguenti comandi:

./configure
make
make install

Ora openVPN è installato, per utilizzare la modalità bridge, come verà spiegato in questa guida, è necessario creare un bridge di rete fra l’interfaccia virtuale di openVPN tap0, e l’interfaccia di rete reale, eth0.

Per windows si chiameranno LAN quella reale, e TAP Windows32 Adapter, quella virtuale.

Su windows è molto semplice, andate su Connessioni di rete, e troverete le due interfaccie, quella LAN, e quella TAP per openVPN, selezionatele entrambe e andate su Collegamento Bridge, o qualcosa di simile.
Dopo averle collegate iin bridge dovete andare nella configurazione del bridge, andare quindi su Proprietà -> Protocollo di Configurazione TCP/IP e impostare l’ip che prima era impostato sulla LAN.

Su linux invece è necessario installare anche un utility per il bridge, da console quindi digitate:

apt-get install bridge-utils se usate Debian Based, o yum install bridge-utils se usate Red Hat Based.

Ora è necessario intervenire nella configurazione della rete per la realizzazione del bridge su Linux, io vi mostrerò come deve essere configurato su Debian – Ubuntu, dato che openVPN l’ho configurato solo su Debian, Ubuntu e Windows.

Aprite quindi con un editor di testo il file: /etc/network/interfaces e il suo contenuto deve essere simile a questo:

auto lo
iface lo inet loopback
auto br0
iface br0 inet static
address 192.168.1.5
netmask 255.255.255.0
gateway 192.168.1.1
pre-up /usr/sbin/openvpn –mktun –dev tap0
pre-up /sbin/ip link set tap0 up
pre-up /sbin/ip link set eth0 up
pre-up /usr/sbin/brctl addbr br0
pre-up /usr/sbin/brctl addif br0 eth0
pre-up /usr/sbin/brctl addif br0 tap0
post-up /etc/init.d/openvpn start
pre-down /etc/init.d/openvpn stop
pre-down /usr/sbin/brctl delif br0 eth0
pre-down /sbin/ip link set eth0 down
pre-down /usr/sbin/brctl delif br0 tap0
pre-down /sbin/ip link set tap0 down
post-down /usr/sbin/brctl delbr br0
post-down /usr/sbin/openvpn –rmtun –dev tap0

Se usate programmi che gestiscono le interfacce, assicuratevi che al riavvio la rete viene avviata come bridge, e che eth0 e tap0 non abbiano indirizzo, e l’indirizzo ip che usavate per eth0, dovete inerirlo in br0, che farà da bridge.

Per esempio io uso wicd per gestire la rete su Ubuntu, e non mi ero accorto che lui all’avvio gestiva eth0 e dovevo cambiarlo in br0, in questo modo al riavvio carica il bridge di rete.

Ora il bridge è fatto, ora possiamo passare alla generazione dei certificati per server e client.

Per prima cosa se usiamo Linux, copiamoci tutta la cartella easy-rsa/2.0 in /etc/openvpn, quindi diamo il seguente comando:

cp -r /usr/share/doc/openvpn/examples/easy-rsa/2.0 /etc/openvpn/

Su windows questa cartella si trova sotto C:\Programmi\openVPN\easy-rsa\

A questo punto è necessario modificare il file vars che si trova nella cartella easy-rsa.

Su windows però prima è necessario lanciare il comando init-config in questo modo:

Andiamo su Esegui, digitiamo cmd, nella console portiamoci nel percorso giusto, quindi digitiamo:

C:\Programmi\OpenVPN\easy-rsa

Ora digitiamo: init-config

In questo modo abbiamo generato i file di configurazione per windows.

Su linux il file vars si trova in /etc/openvpn/easy-rsa/2.0/

La configurazione è identica fra Windows e Linux.

Apriamo quindi con il vostro editor di testo preferito il file vars e in fondo al file troverete queste righe:

export KEY_COUNTRY=IT
export KEY_PROVINCE=Italia
export KEY_CITY=Roma
export KEY_ORG=Augen
export KEY_EMAIL=my_e-mail@mydomain.org

Modificatele a vostro piacimento e salvate.

Su linux nel percorso dove sta il file scrivete da root:

source ./vars
./clean-all
./build-ca

Su windows semplicemente nella cartella di easy-rsa scrivete:

vars
clean-all
build-ca

In questo modo avete creato i file ca.crt A ca.key.

Ora possiamo creare i certificati per server e client.

Per il server digitiamo:

./build-key-server server

Windows:

build-key-server server

Dopo aver immesso i dati, a queste due domande rispondete y:

Certificate is to be certified intil Nov 27 13:25:30 2018 GMT (3650 days)
Sign the certificate? [y/n]:y

1 out of 1 certificate requests certified, commit? [y/n]y

Ora avete generato i certificati per il server, ora passiamo al client:

./build-key client1

Windows:

build-keu client1

E continuate per tutti i client che vi servono

Vi chiederà le stesse domande di prima, voi rispondete sempre y.

Gli ultimi passi per la generazione di certificati sono la generazione di Diffie-Hellman e la chiave statica.

Per generare il parametro Diffie-Hellman digitate il seguente comando:

./build-dh

Windows:

build-dh

Al termine sarà generato un file dh1024.pem

Infine, ma non è obbligatorio, potrete generare una chiave statica, su Linux è possibile generarla con il seguente comando:

openvpn –genkey –secret ta.key

Su windows è possibile crearla automaticamente andando su Start->Programmi->OpenVPN->Generate a Static Key

Ora abbiamo tutti i certificati e la chiave statica che ci servono per la nostra VPN, su linux nella cartella easy-rsa/2.0 è stata creata una cartella keys, dove sono state messi tutti i certificati creati, escusa la chiave statica che è stata creata dove avete lanciato il comando.

Ora dovrete copiare i vari certificati e metterli al posto giusto, dato che ora siamo sul server, iniziamo con i file per il server, quindi copiamoci i seguenti file con il seguente comando:

cp /etc/openvpn/easy-rsa/2.0/keys/ca.crt /etc/openvpn/
cp /etc/openvpn/easy-rsa/2.0/keys/server.crt /etc/openvpn/
cp /etc/openvpn/easy-rsa/2.0/keys/server.key /etc/openvpn/
cp /etc/openvpn/easy-rsa/2.0/ta.key /etc/openvpn/ (scegliete il percorso dove avete generato la ta.key)

Ora ci manca la configurazione vera e propria del server, copiamoci quindi il file d’esempio del server, ma è in formato compresso, quindi eseguiamo il seguente comando:

zcat /usr/share/doc/openvpn/examples/samples-config-files/server.conf.gz > /etc/openvpn/server.conf

Ora apriamo il file server.conf appena estratto con il nostro editor di testo preferito e impostiamolo in questo modo:

port 1194 # Porta in ascolto, deve essere aperta sul router verso il pc locale dove si trova il server VPN
;proto tcp
proto udp # Protocollo in ascolto, in questo caso udp, che è quello di default
dev tap0 # Per la modalità bridge devi usare tap0
;dev tun
;dev-node MyTap # Questo parametro serve solo a windows, devi indicare il nome del dispositivo tap su windows, per esempio se quando lo hai creato lo hai rinominato in BridgeTAP, devi scriverlo in questo parametro.
ca ca.crt
cert server.crt
key server.key
dh dh1024.pem
;Server 10.8.0.0 255.255.255.0
;ifconfig-pool-persist ipp.txt
server-bridge 192.168.1.5 255.255.255.0 192.168.1.50 192.168.1.60
keepalive 10 120
tls-auth ta.key 0 # Chiave statica secreta generata automaticamente, nel server devi mettere 0 come valore, nel client devi mettere 1
;cipher BF-CBC # Blowfish (default)
;cipher AES-128-CBC # AES
;cipher DES-EDE3-CBC # Triple-DES
comp-lzo
max-clients 10 # Qui definisci il numero massimo di client che possono connettersi alla rete locale
;user nobody
;group nobody
persist-key
persist-tun
status openvpn-status.log # Genera un file chiamato openvpn-status.log che da informazioni sullo stato del server
log openvpn.log # Genera un file chiamato openvpn.log che scrive il log di openvpn in questo file, controllate che non ci siano errori e che dia Inzializzation Sequence Complete fin fondo al file.
;log-append openvpn.log
verb 3
;mute 20

Su windows cambia solo che il nome del file sarà server.ovpn, e lo troverete in C:\Programmi\openVPN\sample-config\

Ora il server è pronto, siamo pronti per connetterlo, su windows è necessario far partire openvpn-gui e fare Connetti, oppure fare con il tasto destro del mouse sul file di configurazione Start OpenVPN on This configuration file.

Su linux lanciate il seguente comando:

openvpn –config /etc/openvpn/server.conf, poi andate nel file di log e controllate che si sia connesso senza problemi.

Se tutto è andato bene, il server dovrebbe essere connesso, e siamo ora pronti per configurare la parte client per connetterci al nostro server appena configurato.

Per il client è sufficente avere i certificati generati in precedenza e infine configurare il client.conf.

Speidamo in maniera sicura, o con e-mail crittografate, o con scp, o altri metodi che garantiscono sicurezza, i certificati necessari, copiamo quindi nella cartella /etc/openvpn/ nel client (dopo aver installato openvpn anche sul client) i file ca.crt, client1.crt, client1.key e ta.key, su windows il percorso dove mettere i file è C:\Programmi\OpenVPN\config\

Ora copiamoci il file d’esempio del client, su linux scriviamo il seguente comando:

cp /usr/share/doc/openvpn/examples/sample-config-files/client.conf /etc/openvpn

Su windows si trova nella cartella sample-config, e lo copiate poi nella cartella config.

Ora modifichiamo il file client.conf (Linux) client.ovpn (Windows) in questo modo:

client # Specifica che stiamo usando openVPN come client
dev tap # Deve stare su tap perchè stiamo usando openVPN in modalità bridge
;dev tun
;dev-node MyTap
;proto tcp
proto udp # Specifica che stiamo usando il protocollo udp, che è comunque quello di default
remote 151.50.106.41 1194 # Qui dobbiamo mettere l’ip pubblico del pc a cui vogliamo connetterci, seguito dalla porta in ascolto
resolv-retry infinite
nobind
;user nobody
;group nogroup
persist-key
persist-tun
ca ca.crt
cert client1.crt
key client1.key
ns-cert-type server
comp-lzo
verb 3
;mute 20

Ora dovrebbe essere tutto apposto, proviamo a connetterci alla nostro VPN, Windows, aprite openvpn-gui e andate su Connect e se si è connesso dovrebbe comprarire l’ip che è stato assegnato con i due monitor di colore verde.

Su Linux lanciate il solito comando:

openvpn –config /etc/openvpn/client1.conf

Ora controllate i log se è tutto apposto, su Windows li crea a parte, se la usate su Linux, aggiungete al file di configurazione log openvpn.log, e in entrambi, sia se usate linux, sia se usate windows, se volete avere lo stato del client aggiungete anche status openvpn-status.log

Molto interessante.

Read More

Come Utilizzare i Comandi Directory in Linux

Ecco un’altra guida che tratta i comandi di base di Linux utilizzabili nella shell, ma prima vediamo un po’ come gestisce le directory Linux.

Unix ha una gerarchia di directory che inizia con /, chiamata root.
Il separatore di directory è la barra (/), NON la barra retroversa (\).

La directory root contiene diverse sottodirectory standard, tra le quali /usr (saranno spiegate in un altro capitolo).

Una specifica di directory viene chiamata percorso, e un percorso che inizia da root (/usr/lib/) è un percorso completo o assoluto.

Analogamente, un nome di file preceduto da un percorso completo (/usr/lib/libc.a) è un nome di percorso completo.

Il componente del percorso identificato da due punti consecutivi (..) specifica la directory superiore della directory corrente della shell, mentre un punto (.) specifica la directory corrente.

Ad esempio se la directory di lavoro corrente della shell è /usr/lib, il percorso ../bin si riferisce a /usr/bin.

Un percorso che inizia con .. o . viene chiamato nome di percorso relativo.

Ora vediamo i comandi di direcoty essenziali.

Il comando cd cambia la directory di lavoro corrente della shell in dir:

cd dir

Se omettete dir la shell torna alla directory home.

Il comando mkdir crea una nuova directory dir:

mkdir dir

Il comando rmdir elimina la direcotry dir:

rmdir dir

Se dir non è vuota il comando fallirà.
Per eliminare una cartella non vuota, invece di eliminare prima tutti i file che sono contenuti in essa, potete usare rm -rf dir per eliminare la directory e il suo contenuto, ma prestate attenzione.

Si tratta uno dei pochi comandi che possono causare gravi danni, sopratutto se lo eseguite come superuser.

L’opzione -r specifica un’eliminazione ricorsiva, mentre -f forza l’operazione di eliminazione.

Non utilizzare il flag -rf con carattery jolly quali un asterisco (*) e, sopratutto, controllate sempre accuratamente i comandi.

Read More

Come Migliorare la Durata della Batteria dello Smartphone

Molti possessori di smartphone rimangono spesso molto delusi dalla scarsa autonomia del proprio dispositivo. Quanto dura la batteria del vostro smartphone. Nella migliori delle ipotesi vi durerà due giorni, ma normalmente anche meno. Vediamo quali sono gli accorgimenti da seguire per mantenere la batteria attiva il più a lungo possibile. Non stiamo parlando di complesse applicazioni, ma solamente di un maggiore controllo del vostro telefono intelligente per garantire un’autonomia più lunga. Innanzitutto è importante individuare i principali responsabili del consumo energetico del cellulare, che non sono come comunemente si crede il processore, il chip grafico e la memoria, bensì i servizi wireless, come il WiFi, il Bluetooth, il GPS e la connessione telefonica stessa.

I primo accorgimento é quello di regolare la luminosità dello schermo del cellulare manualmente. Infatti non è detto che l’intensità luminosa che viene impostata automaticamente è quella necessaria. Un secondo consiglio é quello di non lasciare sempre il WiFi o GPS accesi. Se si lascia la connessione W-Fi attiva, lo smartphone continua ad usarla e quindi a sprecare batteria. Quindi spegnete le connessioni nel momento in cui non si utilizzano. Un’altra funzione che incide molto sull’autonomia del cellulare è la sincronizzazione continua dei dati. Se però non sentite la necessità di ricevere un avviso ad esempio ad ogni notifica di Twitter e di Facebook disabilitate la sincronizzazione automatica dei dati e il vostro cellulare durerà più a lungo. Infine anche un controllo diretto sulla connessione telefonica allungherà la vita al vostro cellulare.

Read More