Come Parlare con un Operatore dell’Assistenza Clienti Tim

Con il passare del tempo gli operatori telefonici sono aumentati a dismisura, ma anche se aumentano con il passare del tempo Tim rimane sempre tra i preferiti da parte degli utenti. Essi lo preferiscono ad altri proprio grazie alle tante promozioni che offre a chi lo usa, e le pubblicità frequenti in TV fanno il resto.

Il problema arriva nel caso giungessero dei guai sul tuo numero e non sapresti proprio come risolvere. L’unico metodo per farlo sarebbe quelle di conoscere come parlare con un operatore Tim in maniera facile, ma questo non è possibile. Per cui, dovrai fingere di aver perso la tua SIM.

Quindi, chiama il numero 119 con il tuo cellulare (dove hai la scheda Tim, non con altri numeri) e digita i numeri 6, 5, 1 e 2 per accedere al servizio che ti interessa veramente, cioè quello di parlare con un operatore Tim. La sequenza potrebbe cambiare nel tempo, il consiglio è quello di controllare questa guida sul numero TIM per informazioni aggiornate. Se non riesci a fare questo, purtroppo dovrai accontentarti del sito Tim.it accedendo come utente.

Inoltre, dovrai aspettare qualche minuto prima di parlare con qualcuno, dato che i dipendenti sono in diminuzione ed il rischio che uno di loro parli con qualcun altro è decisamente alto.

Approfondisci

Come Creare un Font con la Propria Calligrafia

Le ricorrenze in cui regalare biglietti di auguri sono tante e variegate. Davvero niente a che vedere con i caratteri di scrittura usati in questi ultimi. Scontati e sempre uguali a se stessi. Qui ci vuole un lampo di genio, qualcosa che ti permetta di emergere dalla massa e far diventare i tuoi biglietti di auguri unici al mondo. Ci sono! Che ne dici di creare un font con la tua calligrafia?

Per creare un font con la tua calligrafia c’è bisogno del sito di Fontcapture che tu permette di creare un font per poi metterlo su Word, Excel, Power Point. Insomma in tutti i programmi Office. Come ho detto prima andate sul sito di Fontcapture e clicca poi sulla scritta in rosso Create your font now.

A questo punto cliccate sulla scritta rossa vicino ad un documento PDF Download font template, vi uscirà un file PDF poi voi dovrete stampare e compilare (es. c’è scritto A maiuscola e tu devi scrivete come la scrivi tu la ‘a’ così con la B C D ed i segni strani). Dopo aver compilato il foglio scannerizzatelo, e andate di nuovo sul sito Fontcapture.com.

Adesso clicca di nuovo su Create your font e poi sulla scritta rossa 3 Scan template.
Inserisci nello spazio bianco in nome del Font (Font name), l’autore (Author), e poi clicca su scegli file e prendi il file del foglio scannerizzato e clicca su Apri. E clicca su Submit. Dopo essersi caricata la pagina noi dovremo cliccare sulla nostra scrittura ed il sito ci fatà scaricare un file di estensione TTF.

Adesso date il nome al file scaricato come volete, all’inizio viene chiamato myfont.ttf ma chiamalo come vuoi però lascia.ttf. Per mettere la scrittura su tutti i programmi Office devi andare nel pannello di controllo, devi cliccare su di una cartella che prende il nome di Caratteri, e incollateci dentro il file che hai scaricato. Adesso vai su Word, trova la tua scrittura e scrivi tutto quello che vuoi.

Approfondisci

Come si Crea un’Asta con Prezzo di Riserva su eBay

Tra i siti dedicati all’ e-commerce quello di ebay è indubbiamente il più conosciuto, ma forse non tutti coloro che vogliono vendere un oggetto sanno che è possibile farlo con diverse tipologie di asta, in questa piccola guida ti spiego come farlo stabilendo un prezzo di riserva.

Se tu non sei disponibile a vendere un tuo oggetto ad un prezzo casuale, ossia quello che verrà determinato dagli utenti dopo un’asta, hai la possibilità di creare un’inserzione con un prezzo di riserva, potrai quindi fare partire l’asta con un prezzo basso, ma se non raggiungerà un prezzo minimo da te stabilito non avrai l’obbligo di venderlo.

Ovviamente attivare questa opzione ti costerà qualcosa in più rispetto al prezzo normale per la pubblicazione di un’asta, ma ovviamente ne vale la pena perchè in un certo senso ti tutela, inoltre il prezzo di riserva non verrà mostrato agli utenti, dovrai solo selezionare questa funzione mentre imposti l’asta.

Ti ricordo che la relativa tariffa ti verrà addebitata anche se il tuo oggetto non verrà venduto, i costi sono i seguenti: fino a 99,99 euro paghi 3 euro, da 100 a 4999,99 euro paghi il 3% del prezzo di riserva, da 5000 euro in poi ti costerà ben 150 euro, perciò valuta con attenzione quando è il caso di utilizzare questa opzione.

Approfondisci

Come Creare un’Inserzione su eBay

A volte capita di avere in casa qualche oggetto nuovo od usato che non serve o non si vuole più, creando un’inserzione su ebay si potrà provare a venderlo e magari realizzare pure un piccolo guadagno, la procedura non è molto complicata, bisogna però essere precisi nella descrizione.

Per iniziare, bisogna essere già degli utenti registrati su ebay, in caso contrario dovrai seguire la procedura di iscrizione.
Se invece hai già un account attivo accedi direttamente dalla home page del sito.

Inserisci i tuoi codici di accesso e dopo seleziona “il mio ebay” posto in alto sulla destra, dopodichè vai sopra la menù a tendina “Vendi” e seleziona “Comincia a vendere” e se non sei pratico ti consiglio di selezionare “Modulo Vendi il tuo oggetto versione semplificata” e poi premi nuovamente “Comincia a vendere”.

Ora vedrai la schermata con tutti i parametri da inserire per rendere completa ed esauriente la tua inserzione: titolo, categoria di appartenenza, aggiungi una foto del tuo oggetto (la prima immagine è gratuita), che dovrai già avere fotografato con una macchina digitale e quindi utilizza il relativo file.

Dopo dovrai aggiungere la descrizione di ciò che vuoi vendere, infine ci sono da specificare i costi della spedizione ed i metodi offerti per ricevere il pagamento; fatto questo premi “Salva e controlla l’anteprima” e se tutto è ok potrai confermare l’inserzione e vedrai anche il relativo costo che ebay ti addebiterà.

Approfondisci

Come Evitare il Phishing

Ne hanno parlato di recente molti telegiornali in TV, ma in realtà è un fenomeno che riguarda internet da almeno un paio d’anni, di cosa parliamo? Ovviamente di Phishing, un tentativo di truffa via mail che consiste in camuffare messaggi di posta a mo di richiesta di dati personali (password, ID carte di credito) da parte di banche, posta ed altro.

Vi è mai capitato di ricevere dei messaggi di posta con Mittente Poste Italiane? E questo messaggio vi chiede i vostri nome utenti e password per recupero dati o per notifica?

Cari utenti siete davanti ad una truffa chiamata Phishing.

Se provate a proseguire e quindi andare sul sito indicato dalla mail vi ritrovere in un sito falso che avrà form per l’inserimento di dati del tutto simile a quello del servizio che vi ha inviato la mail (Poste è il soggetto preferito) e apparentemente uguale a quello originale.

Qui già c’è qualcosa da notare, il sito camuffato non può ovviamente essere registrato con lo stesso dominio del sito ufficiale che emula. Quindi prima precauzione: guardate se nell’URL c’è qualche piccola anomalia (ad esempio nn http:// ma https://).

Voi ovviamente non dovrete fare niente di tutto ciò e fare un unica cosa. Cancellare l’email e non cascare nel tranello. Quello indicato del sito è solo uno dei tanti modi per rendersi conto della truffa ma c’è un’altro concetto importante: servizi come quello delle poste o delle banche non vi chiederebbero mai dati così importanti via mail, quindi diffidate sempre dalle imitazioni.

Approfondisci